fbpx

Basilicata - Mini Pia 2024 "Mini pacchetti integrati di agevolazione"

Mini Pia 2024

Mini Pia 2024(Piani di Sviluppo Industriale attraverso pacchetti integrati agevolativi) è uno strumento di incentivo per le imprese volto a raggiungere i seguenti obiettivi specifici:

  • Rafforzare la capacità di ricerca e innovazione e l’introduzione di tecnologie avanzate.
  • Potenziare la crescita sostenibile e la competitività delle PMI, creando nuovi posti di lavoro.
  • Sviluppare competenze per la specializzazione intelligente, la transizione industriale e l’imprenditorialità nei settori identificati dalla S3 2021-2027 della regione Basilicata.

L’avviso si inserisce nel contesto della Priorità 1_Basilicata Smart del Programma Regionale FESR FSE+ 2021-2027.

Mini Pia 2024 definisce le procedure per selezionare interventi destinati a rafforzare le imprese esistenti e a promuovere nuove iniziative imprenditoriali in Basilicata tramite i Pacchetti Integrati di Agevolazione, che prevedono contributi per:

  • Investimenti produttivi.
  • Acquisizione di servizi innovativi e trasferimento tecnologico.
  • Sviluppo di competenze tramite la formazione.

Questi pacchetti mirano a:

  • Supportare la crescita e l’innovazione delle PMI.
  • Favorire nuove iniziative imprenditoriali.
  • Rafforzare i sistemi produttivi esistenti migliorandone la competitività attraverso innovazioni tecnologiche e organizzative.
  • Promuovere la sostenibilità aziendale e lo sviluppo di competenze.
  • Potenziare l’innovazione e il trasferimento tecnologico a livello regionale.
  • Sostenere lo sviluppo di processi produttivi orientati alla transizione ecologica e al risparmio energetico, in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile.

Le iniziative devono rispettare il principio DNSH (“non arrecare un danno significativo”) e ciascun programma di investimento deve essere coerente e funzionale per raggiungere gli obiettivi economici e produttivi dell’impresa.

Ecco cosa troverai in questo articolo

Mini Pia 2024 - Beneficiari

I beneficiari delle agevolazioni previste dalla misura Mini Pia 2024 sono:

  • Micro, Piccole e Medie Imprese (PMI);
  • Consorzi di imprese;
  • Società consortili; 
  • Società cooperative; 

Questi soggetti devono avere l’intenzione di realizzare un Piano di Sviluppo Industriale, rispettando le forme e i settori di investimento previsti.

Le sedi operative coinvolte devono essere situate o programmate per essere situate nella Regione Basilicata. 

Per accedere alle agevolazioni previste, le imprese devono rispettare i seguenti requisiti:

  • Costituzione e Iscrizione: Essere regolarmente costituite e iscritte al registro delle imprese presso la Camera di Commercio competente.
  • Sede Operativa: Avere la sede operativa interessata dall’intervento situata in Basilicata prima del rilascio del provvedimento di concessione del contributo.
  • Stato dell’Impresa: Essere attive, non in stato di liquidazione giudiziale o in procedure concorsuali (ad eccezione del concordato preventivo con continuità aziendale già omologato), e non essere soggette a procedure per tali situazioni.
  • Provvedimenti Sanzionatori: Non essere destinatari di provvedimenti di decadenza, sospensione o divieto ai sensi dell’art. 67 del D. lgs. n. 159/2011, e non essere a conoscenza di tali cause per i soggetti indicati nell’art. 85 dello stesso decreto.
  • Situazione Economica: Non essere considerate imprese in difficoltà secondo l’art. 2 del Regolamento (UE) 651/2014, salvo deroghe per micro e piccole imprese.
  • Revoca e Irregolarità: Non aver subito procedimenti amministrativi di revoca per indebita percezione di risorse pubbliche o per carenze nei requisiti nei precedenti 3 anni.
  • Aiuti Illegali: Non aver ricevuto aiuti considerati illegali o incompatibili dalla Commissione Europea senza averli rimborsati o depositati in conto bloccato.
  • Rimborso Agevolazioni: Non essere inadempienti nel rimborso di agevolazioni alla Regione Basilicata per rinuncia o revoca del contributo.
  • Antiriciclaggio: Essere in regola con la normativa antiriciclaggio.
  • Esclusività delle Spese: Non aver già beneficiato di sostegni finanziari pubblici per le stesse spese oggetto della richiesta di agevolazione, oltre i limiti previsti dalle normative comunitarie sugli aiuti.

Questi requisiti garantiscono che le imprese siano in regola con le normative e le disposizioni vigenti per accedere ai benefici economici offerti dalla misura Mini Pia 2024.

Mini Pia 2024 - Tipologia di Investimento

I Piani di Sviluppo Industriale sono composti da tre tipologie di progetti:

  1. Progetto degli Investimenti Produttivi: Questo progetto mira a sviluppare e mantenere i livelli occupazionali ed è obbligatorio per ogni piano. Deve rappresentare almeno il 50% dell’investimento complessivo del piano.

    • Importi Minimi:
      • €600.000 per nuove iniziative, che includono investimenti di nuove imprese, aperture di sedi in Basilicata da parte di imprese esterne, o avvio di nuove attività ammissibili in Basilicata.
      • €250.000 per ampliamenti, diversificazioni, acquisizioni o trasferimenti di impianti esistenti.
  2. Progetto per l’Acquisizione dei Servizi Innovativi e di Trasferimento Tecnologico: Questo progetto è volto a ottenere servizi innovativi e supporto tecnologico, con un contributo massimo di €150.000.

  3. Progetto di Formazione Avanzata: Destinato alla riqualificazione delle competenze, con un contributo massimo di €70.000.

In linea generale il contributo totale per il Piano di Sviluppo Industriale non può superare €1.500.000.
 

Questi piani devono contribuire significativamente allo sviluppo delle imprese in Basilicata, con particolare attenzione all’innovazione e alla formazione.

Mini Pia 2024 - Spese ammissibili

Le spese ammissibili, previste dalla misura Mini Pia 2024, includono una varietà di costi relativi all’acquisizione, costruzione o locazione finanziaria di immobilizzazioni necessarie per la realizzazione degli investimenti produttivi. Le categorie di spese ammissibili sono:

Progettazione e Costruzione:

  • Progettazioni ingegneristiche: Compresi direzione lavori, valutazioni d’impatto ambientale, oneri per concessioni edilizie, e collaudi;
  • Acquisto o affitto di suolo: Richiede perizia giurata che attesti il valore di mercato;
  • Sistemazione suolo: Livellamento, consolidamento del terreno, stabilizzazione dei pendii;
  • Indagini geognostiche: Sondaggi e test geotecnici per determinare le caratteristiche del terreno;
  • Acquisto di fabbricati: Necessaria perizia giurata per attestare il valore e la conformità normativa;
  • Opere murarie: Per la costruzione o ristrutturazione di edifici, comprese opere strutturali, pavimenti, infissi, e sistemi di illuminazione.

Impianti Generali:

  • Elettrici e di illuminazione: Compresi impianti fotovoltaici e di riscaldamento;
  • Idrici e sanitari: Inclusi sistemi di depurazione e impianti fognari;
  • Domotica e sicurezza: Sistemi di automazione, videosorveglianza e allarme;
  • Elevatori: Ascensori e montacarichi.

Infrastrutture Esterne:

  • Strade e piazzali: Compresi impianti di illuminazione esterna e recinzioni.
  • Allacciamenti: Connessioni ai servizi pubblici.
  • Tettoie e cabine: Strutture accessorie come cabine metano e pozzi idrici.

Opere Murarie Varie:

  • Cabine e strutture specifiche: Per uso esclusivo dell’unità produttiva.
  • Piscine e saune: Solo per attività legate all’impresa, come hotel o centri benessere.

Impianti Produttivi:

  • Specifici per l’azienda: Per acqua di processo, aria compressa, vapore e forza motrice.
  • Specializzati: Forni industriali, celle frigorifere, e impianti alberghieri.

Macchinari e Attrezzature:

  • Macchinari produttivi: Inclusi gru, bilance a ponte e apparecchiature di produzione.
  • Attrezzature di supporto: Per laboratori, uffici, e reparti produttivi, come PC, stampanti e mobili.

Mezzi Mobili:

  • Necessari al ciclo produttivo: Devono essere identificabili e destinati esclusivamente all’impianto oggetto delle agevolazioni.
  • Software e Programmi Informatici:
  • Commisurati alle esigenze aziendali: Inclusi software di base e programmi specifici, con costi di sviluppo stimati in base a perizie.

Impianti da Fonti Rinnovabili:

  • Per autoconsumo: Inclusi sistemi di accumulo, dimensionati per non superare i fabbisogni annuali dell’impresa.

Consulenze: Sono agevolabili le spese per consulenze legate alla redazione del business plan e consulenze tecniche necessarie per la preparazione e realizzazione del progetto, con un limite del 3% dell’investimento e un costo massimo giornaliero di 300 euro per persona.

Fiere e Saloni Internazionali: Sono ammesse spese per partecipare a fiere internazionali, inclusi affitti di spazi espositivi, noleggio e allestimento di stand, servizi di interpretariato, trasporto e dimostrazioni.

Spese per la Riattivazione di Stabilimenti: Sono ammesse spese per riattivazione e trasferimento di impianti esistenti e per il revamping di impianti e macchinari usati.

Spese per la realizzazione del Progetto dei Servizi Innovativi e di Trasferimento Tecnologico connesse all’acquisizione di consulenze specialistiche per la fornitura dei servizi.

Spese per la realizzazione del Progetto di Formazione avanzata attraverso l’erogazione di corsi di formazione.

Mini Pia 2024 - Agevolazione

Per i programmi di investimento, prevista dal Mini Pia 2024, le aziende possono ricevere aiuti economici in diverse forme:

  • Contributi per l’acquisto di impianti;
  • Contributi per ridurre i costi degli interessi sui prestiti, oppure una combinazione di entrambi. 
Le agevolazioni variano a seconda della tipologia di investimento:
 
Investimenti Produttivi, per questa sezione le agevolazioni variano a seconda della dimensione dell’impresa, per le medie imprese un aiuto non superiore al 40% dell’investimento ammesso e per le micro e piccole imprese un aiuto non superiore al 50% dell’investimento ammesso.
 

Investimento acquisizione di Servizi Innovativi e di Trasferimento Tecnologico, il contributo concedibile non può superare il 50% dei costi ammissibili. Il contributo massimo concedibile per il progetto dei Servizi Innovativi e Trasferimento Tecnologico, è pari ad € 150.000,00 per ogni tipologia di servizio.

Investimento di Formazione Avanzata, la misura concedibile  non può superare il 50% dei costi ammissibili ma può essere aumentata fino a un’intensità massima del 70% dei costi ammissibili in presenza di specifici punti di premialità. Il totale del contributo concesso per il progetto formazione aziendale non può superare l’importo massimo di € 70.000,00.

In sintesi, queste agevolazioni mirano a supportare le aziende nei loro investimenti, garantendo che i contributi non superino determinate percentuali e che le imprese apportino un contributo finanziario significativo, contribuendo a stimolare lo sviluppo economico e la partecipazione a eventi internazionali.

Mini Pia 2024 - Presentazione delle domande

La procedura di presentazione delle domande di agevolazione è a sportello telematico.

Lo sportello telematico sarà attivo fino al 13/09/2024.

Non è ammesso, altresì, l’inoltro da parte della stessa impresa, di una istanza di agevolazione relativa a più programmi di investimento o a più sedi operative produttive, pena la decadenza di tutte le istanze candidate.

Sp Studios fornisce un servizio di consulenza orientato ad aiutare le aziende a verificare i criteri di ammissibilità per numerose misure di agevolazione.

In questo modo, il team di consulenti di Sp Studios forniranno all’azienda un’assistenza per la corretta presentazione della modulistica ai bandi.

Contattaci e la tua pratica verrà seguita da un team di esperti che ti supporterà in tutti i passaggi, dalla presentazione alla rendicontazione della domanda.

Sp Studios 0771 738004

+39 393 8857979

Hai un tuo progetto? Hai bisogno di essere finanziato?

Ti contatterà un nostro incaricato per per una pre-fattibilità OMAGGIO!

Condividi su:

iscriviti alla newsletter

rimarrai aggiornato su tutte le novità, potrebbe essere l'occasione per realizzare il tuo progetto

Non perdere le opportunità degli incentivi agevolati per le imprese

iscriviti alla newsletter